Camellia

Arajishi

Descrizione:

Itō Ko’emon, 1879, Chinkashū: rosso scuro, bianco screziato, grande forma di peonia. Tuyama, 1966, Camelia Cultivars of Japan, pl.35, p.66; Tuyama, 1968, Camelie del Giappone, foto a colori n.307, p.155, descrizione, p.182: forma a macchie bianche della varietà Beni-arajishi. È una forma di peonia piena, larga 8-9 cm con petali esterni obcordati, emarginati, numerosi, piccoli petali e petaloidi, variamente contorti e irregolari, formanti una massa centrale, frammisti a pochi stami. Il colore è rosso ribes, HCC, 821/2 con macchie bianche sparse. Foglie, scure, verde lucido, tipicamente ellittiche strette, lungamente acuminate, con bordi profondamente e grossolanamente seghettati o bi-seghettati. La nuova crescita porta peli facilmente visibili sul picciolo e sulla nervatura centrale. Fioritura precoce. Questa cultivar è ampiamente coltivata. In Occidente, in particolare negli Stati Uniti, è spesso la forma rossa, erroneamente chiamata “Arajishi”. La forma rossa solida è Beni-arajishi, di cui la forma variegata, Arajishi, è uno sport. Diverse letture sono: “Arejishi”, “Areshishi”. Corruzioni del nome giapponese: ‘Aragishi’, ‘Arajishu’, ‘Arajisi’, ‘Arajisha’, ‘Are Jisji’, ‘Arijishi’, ‘Arejeshi’, ‘Arazishi’, ‘Arejisji’, ‘Arejishii’, ‘Areshishi’ , ‘Arejishi variegato’. Sinonimi: “Heckla”, “Lady Alice”, “Aloha”, “Arajishi Waratah”, “Arajishi Variegation”, “Arajishifuiri” e, erroneamente: “Akakarako”. Vedi foto a colori: Vedi Encyclopedia Of Camellias in Colour, vol.I, 1972, pl.292 & p.334. Seibundō Shinkōsha, 1979, Senchinshū, p.14. Ha avuto origine in Giappone. Sinonimo cinese: “Huangshizi”.

Link ICS : https://camellia.iflora.cn/Cutivars/Detail?latin=Arajishi