Camellia

Madame Pépin

Descrizione:

Catalogo van Houtte, 1858, 72:17. Da Pépin. Non descritto. Verschaffelt, 1859, Nouvelle Iconographie, Libro XII, tav. IV: Una varietà distintiva, la cui introduzione dobbiamo a M. Miellez… I suoi fiori, più grandi della media, hanno una forma doppia, due tipi di petali e una tripla colorazione con un’imbricazione perfetta. I petali delle file perimetrali sono ampi e arrotondati, pieni, di un rosso ciliegia vivace; quelli intermedi, della stessa forma, sono di un rosa delicato; vicino al centro diventano improvvisamente più piccoli, ovali, spiegati a forma di una delicata dalia rosa, di un rosa più tenue bordato di bianco; al centro sono ancora più piccoli, a forma di cappuccio, rossi con bordi ricurvi. Originato in Italia da Sr. Pepin, Pisa. Errori ortografici: ‘Madam Peppin’, ‘Madame Peppin’. Abbreviazione: ‘Mme. Pepin’, ‘Madam Pepin’, ‘de Pepin’, ‘M. de Pepin’. Sinonimi: ‘Madame Pépin de Pise’, ‘Madame Pépin’ (Miellez). Variante ortografica ‘Signora Pepin’.

Link ICS : https://camellia.iflora.cn/Cutivars/Detail?latin=Madame%20P%C3%A9pin