Camellia

Shiragiku 3 (LP/15)

Descrizione:

Mizuno, Genshō, 1681, Kadan Kōmoku: bianco, grande, doppio. Kadan Chikinsho, 1695; Itō, Jukyū, Honzō Hanamaki’e, 1739: taglia media; Shirai-Bunko, 1789, Shoshiki Hanagatachō: un fiore a forma di loto. Yashiro, Kokon Yōrankō, 1841, vol.310; Kasuya, Kamegorō, 1859, Tsubaki Irohanayose Irotsuki. Foto a colori e descrizioni nei seguenti: Tuyama, 1966, Camellia Cultivars of Japan, pl.76, pp.130, 472; Tuyama, 1968, Camelie del Giappone, tav.59; Enciclopedia delle camelie a colori, vol.I, 1972, pl.409, 410 & p.353; Sato, 1975, Chūbu no Tsubaki; Macoboy, 1981, Il dizionario dei colori delle camelie, p.116; Seibundō Shinkōsha, 1980 Senchinshū, p.75, descrizione, p.222: Cultivar ben ramificata con fogliame denso a crescita rapida. Foglie da ellittiche a largamente ellittiche con piccioli da glabosi a leggermente pelosi. Fiori bianchi, appiattiti, fortemente ondulati, che lasciano il centro del bocciolo stretto e appuntito. Fiorisce da metà stagione a tardi. Ha avuto origine nell’area di Kantō, in Giappone. Sinonimi: ‘Tama-usagi’ (di Hōkyō, Kyōto), ‘Gardenia’, ‘Neige d’Oree’, ‘Refinement’, ‘Harriet I. Laub’, ‘Lord Chesterfield’, ‘Purity’, ‘Japanese Perfect White’ , ‘Perfezione giapponese’, ‘Bianco perfetto II’, ‘Neve dorata’, ‘Purezza giapponese bianca’. Nomi corrotti: “Shirigiku”, “Shiragika”. Pseudonimi: Erroneamente come ‘Renjo-no-tama’, ‘Il Cygno’. Sinonimo cinese: “Zhengjie”. Vedi: JCS., 1965, Tsubaki, No.5, p.29; ibid. 1983, n.22, pag. 116; 1969, No.7, pp.31, 36 e Kyōto Engei Kurabu, 1964, Tsubaki Tokushū, No.5, p.80.

Link ICS : https://camellia.iflora.cn/Cutivars/Detail?latin=Shiragiku