Camellia

Anemoniflora

Descrizione:

Curtis, 1814, Botanical Magazine; Aiton, 1812, Hortus Kewensis come ‘Fiore d’Anemone’: Portato per la prima volta in Inghilterra dalla Cina nel 1806, è stato descritto e illustrato in molte pubblicazioni orticole dell’epoca. Il fiore è il prototipo delle “forme di anemone con 5-6 grandi petali esterni con apici emarginati e un cuscinetto centrale di petali ligulati, largo 7,5-8 cm. Il colore è rosso turchese, diventando molto scuro in alcune condizioni. I boccioli sono rotondi, sviluppando bordi marroni scuri e coriacei alle scaglie. Le foglie sono verdi scuro, lucide, ampiamente ellittiche fino a molto ovate, con margini poco seghettati, apici corti e acuminati. L’abitudine è aperta, vigorosa e diffusa. Il suo vecchio nome cinese di ‘Po Chu Cha’ è scritto come ‘Baozhu Cha’ nel sistema di traslitterazione Pinyin e si traduce come “Camelia Perla Preziosa”. Poiché le sue parti sessuali sono ridotte solo al pistillo, è stata molto utilizzata come genitore femminile da ibridatori precoci di Camelie come Chandler d’Inghilterra e Macarthur d’Australia, così che, generazioni dopo, i suoi geni sono confluiti in centinaia di cultivar moderne. Tra i sinonimi ci sono: ‘Waratah’, ‘Anemoniflora Waratah’, ‘Mrs Sol Runyon’, ‘Honey Comb’, ‘Waratah Ancien’, ‘Waratah Purpurea’, ‘Waratah Sinensis’, e erroneamente come ‘Waratah Rosso’. Le varianti ortografiche e gli errori includono: ‘Anemonae Flora’, ‘Anemonaeflora’, ‘Anemoneflora’, ‘Anemone Flora’, ‘Anemoflora’, ‘Anemone-flowered’, ‘Anemonaeflora (Waratah)’, ‘Anemoninaeflora’.